IN SARDEGNA SEMINARI SULLA PSICOLOGIA IN TRUBUNALE E SULL’ABUSO SUI MINORI


Scene del crimine, laboratori, aule di tribunale questo è l’ampio terreno di gioco dei criminologi ai giorni nostri. Da anni la Ophir Criminology si occupa della formazione in questa variegata materia attraverso corsi e seminari tenuti in Sardegna. Luogo di crescita professionale, incontro e scambio di professionalità diverse dagli avvocati ai medici alle forze di polizia agli psicologi fino agli studenti universitari e ai giornalisti.

E cosi come gli studenti anche i docenti che la Ophir ha fatto approdare sull’Isola sono stati molti, alcuni nomi noti alle cronache come quelli dell’antropologo Matteo Borrini o del prof. Emiliano Giardina, genetista del dibattutissimo caso Bossetti, solo per citarne alcuni. Ma soprattutto una schiera di operatori dei vari ambiti che si sono messi a disposizione degli studenti per scandagliare ogni aspetto delle indagini e del processo, perché non ci sono solo i casi di cronaca famosi ma ci sono anche i casi “silenziosi” quelli che intasano i tribunali e ti segnano l’esistenza.

 

La scienza non entra in Tribunale solo attraverso le analisi del DNA e non indossa solo la tuta bianca del sopralluogo. Il contributo della scienza è molto più ampio e diversificato. In realtà la quotidianità dell’Attività giudiziaria riguarda molto spesso altre discipline, e fra tutte le più presenti sono la psicologia e la psichiatria forense. Parliamo di indagini che ogni giorno periti e consulenti tecnici compiono sulle persone attraverso strumenti come colloqui e test, invece che su tracce biologiche con microscopi o analisi di laboratorio. In realtà le diverse discipline hanno in comune più di quello che si possa pensare … hanno in comune l’approccio scientifico, la finalità di dare risposte sempre più affidabili ai quesiti dei Giudici e di contribuire al giusto processo. I seminari di Cagliari (25 Novembre) e Sassari (26 Novembre) daranno ai partecipanti la possibilità di acquisire nozioni preziose per gestire e rendere proficuo il dialogo fra scienza e giurisprudenza. È importante che l’avvocato sappia in qualche modo interagire con l’esperto psicologo forense e così quest’ultimo deve essere in grado di comprendere e soddisfare le specifiche esigenze del contesto forense.

Della psicologia in aula si parlerà ampiamente a Sassari il 26 novembre nel seminario che si svolgerà presso la Camera di Commercio in via Roma 73 e che è tra l’altro, accreditato dall’Ordine degli avvocati di Sassari per la formazione obbligatoria degli avvocati (6 crediti). Docenti universitari, consulenti tecnici ed avvocati parleranno del ruolo della psicologia in tribunale, le ben note “guerre di perizie” che spesso sconcertano i non addetti ai lavori che non sempre comprendono come si possa considerare un assassino incapace di intendere e volere oppure “non pericoloso socialmente” l’autore di un reato particolarmente odioso, si pensi alla vera e propria guerra di periti sulla capacità e pericolosità di Annamaria Franzoni che ha diviso in due l’Italia o ancora la registrazione del colloquio registrato in carcere dallo psichiatra consulente di parte nel caso di Erba, con la cruda confessione dell’assassinio di un minore.

Assai delicato è anche il tema che si affronterà a Cagliari il 25 novembre: nella Sala Anfiteatro regionale in via Roma 253, gli abusi sui minori e il loro accidentato percorso nelle aule dei tribunali. Anche questo seminario è accreditato dall’Ordine degli avvocati, questa volta di Cagliari, per la formazione obbligatoria (3 crediti). Come si può capire se un minore è stato davvero vittima di abuso? Come evitare la psicosi generale come in alcuni noti casi di cronaca che hanno coinvolto intere comunità, finiti dopo anni di processi in una serie di assoluzioni? Una volta compromessa la memoria di un bambino con una intervista mal condotta o con le domande mal poste si può ancora sperare di arrivare ad una versione veritiera dei fatti?

 

La criminologia non è sempre scienza esatta ma la materia è in continua evoluzione e gli strumenti migliorano velocemente grazie alla gigantesca mole di ricerca e aggiornamento che viene prodotta in tutto il mondo (e anche nel nostro Paese!). L’aggiornamento e la condivisione dei saperi sono fondamentali e questo la Ophir Criminology lo sa e da sempre si batte per una formazione vera degli operatori, scevra da qualunquismi e semplificazioni mediatiche, aggiornata e scientificamente valida, che ottenga conferme nei laboratori, nei commissariati e nelle aule di tribunali. 

Per informazioni su programmi costi e iscrizioni si può contattare il numero 3779872877 o visitare il sito www.ophir-criminology.it o scrivere all’indirizzo: Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.


Condividi la notizia con i tuoi amici sui social network Facebook e Twitter
Condividi su Facebook









Per vedere tutte le notizie dalla Sardegna, metti mi piace alla nostra pagina facebook

Su questo sito utilizziamo cookie di profilazione di terze parti. Cliccando in un punto qualsiasi dello schermo, effettuando un’azione di scroll o chiudendo questo banner, presti il consenso all’uso di tutti i cookie. Se vuoi saperne di più o negare il consenso, consulta la Cookie Policy